San Maurizio Canavese

Un’oasi di verde nel canavese

Se ti stai chiedendo cosa vedere nel canavese, devi sapere che San Maurizio ha la fortuna di trovarsi in mezzo ai due parchi più belli del Piemonte: il Parco Naturale della Mandria e la Riserva Naturale della Vauda, parco istituito recentemente.

Il verde

Il Parco della Mandria è il parco più bello del Piemonte. Dal punto di vista naturalistico è molto importante perché conserva in un area dedicata un bosco planiziale, ovvero un esempio di come era la foresta che ricopriva la pianura Padana migliaia di anni fa. Qui potete trovare alberi di farnia, rovere, ontano, salici, olmo e tanti altri in aggiunta alle tipiche piante del sottobosco padano.
La fauna comprende soprattutto cervi, daini, cinghiali, volpi, lepri e rapaci notturni quali gufi, civette e allocchi. È veramente bello vedere il Parco in diverse stagioni dell’anno. In primavera e in estate si possono ammirare le rigogliose fioriture, nell’autunno i mille colori delle varie specie di alberi. In tutte le stagioni si può accedere al Parco liberamente negli orari di apertura.

La Mandria

Stai cercando qualcosa da vedere vicino a San Maurizio Canavese? Oltre alle bellezze naturalistiche, vi sono molti edifici di grande interesse, come il Castello della Mandria, definito dall’Unesco patrimonio dell’Umanità. Inoltre potrete ammirare il Castello dei Laghi, il Castelletto della Bizzarria, così chiamato per lo stile fantasioso e sorprendente. Da raccomandare una visita alla chiesetta di San Giuliano con dei bellissimi affreschi.
Abitando a San Maurizio avrete la fortuna di andare spesso alla Mandria. Il fatto di essere recintato, la sua natura meravigliosa e la sua maestosità, vi faranno sentire in un mondo a parte e non finirete mai di stupirvi, scoprendo ogni volta cose nuove. E non dimentichiamo che se abiterete nel canavese, farete il pieno di aria salubre e l’atmosfera di grande serenità e di bellezza che vi circonda vi serviranno da stimolo alla qualità della vostra vita con una ventata di positività.

Riserva Naturale della Vauda

È sorprendente che a pochi chilometri da San Maurizio possa esistere un’area verde così vasta, (2600 ettari) praticamente selvaggia. È composta da un’ampia pianura dove si trovano numerosi stagni e laghetti, piccoli fiumi e avvallamenti. Il tutto ricoperto da boschi, brughiere ed estesi spazi dove crescono le erbe selvatiche.
La sensazione è di trovarsi in un’altra parte del mondo, non a pochi chilometri da Torino. Potrete veramente estraniarvi e immergervi in una natura primordiale dal fascino irresistibile.
Dimenticherete la realtà di tutti i giorni, gli affanni, i problemi, per trovare una dimensione più equilibrata che solo il contatto con questa natura vi può dare.
Qui l’uomo nel tempo è intervenuto poco, per una ragione semplice. Ha disboscato, come in tutta la pianura Padana diversi millenni fa, però ha trovato un terreno acido e argilloso poco adatto ad essere coltivato.
Perciò è stato nei secoli semi abbandonato, fino al 1833 quando i Savoia lo trasformarono in un campo di addestramento militare.
Nel 1993 la Regione Piemonte ha protetto l’area trasformandola in Riserva Naturale mettendo a disposizione di tutti questo prodigio della natura.